Questo blog è gestito da un fedele laico che stima la vita contemplativa delle claustrali.

Visualizzazioni totali

lunedì 12 settembre 2011

Da mamma a suora di clausura

Tempo fa mi ha scritto una mamma che mi ha confidato il desiderio di abbandonare il mondo per abbracciare la vita monastica. Ecco alcune cose che le ho scritto...

Carissima sorella in Cristo Redentore,
                                                            mi è piaciuta molto la storia della tua conversione e apprezzo tanto il coraggio che hai avuto nell'abbandonare il luccicante mondo dello spettacolo per tornare a una vita più vicina a Dio. Il Signore è incapace di disprezzare un cuore contrito che ritorna a Lui. Mi piace leggere le storie di conversioni perché in esse rifulge maggiormente l'infinita misericordia di Dio.

Per me sarebbe una grande gioia se tu riuscissi a diventare suora carmelitana, poiché il tuo abbandono del mondo darebbe tanta gloria a Dio. Gli stolti penseranno che sei impazzita, ma le persone un po' più sagge rifletteranno e capiranno che sei semplicemente una donna innamorata di Gesù buono. Molti cercano la felicità nell'amare le ricchezze, gli onori, il successo, i divertimenti e i piaceri materiali, ma queste cose non potranno mai dare pace ai nostri cuori che sono stati creati per amare Dio, e non hanno pace sin quando non riposano il Lui, come saggiamente insegna il dotto Sant'Agostino.

Dunque ti incoraggio a fare tutto il possibile pur di assecondare quel desiderio di donazione totale di te stessa che senti nel cuore. Non hai nulla da perdere, ma solo da guadagnare. In un monastero di clausura potrai dedicarti ad amare Dio con tutte le tue forze, senza preoccuparti delle cose vane che infestano il mondo.
Per quanto riguarda tuo figlio, non vedo grossi problemi. Ormai ha 18 anni, è un uomo adulto, saprà cavarsela bene con la buona educazione cristiana che gli hai dato in questi anni. E poi può sempre contare sull'aiuto materiale del suo papà.

Al riguardo del tuo matrimonio, suppongo che la situazione sia già sistemata, pertanto non dovrebbero esserci grossi ostacoli alla tua vocazione. Ovviamente dovrai essere brava a far comprendere alla Madre Priora che non vuoi entrare in monastero per sfuggire alle tue responsabilità nel mondo, ma vuoi abbracciare la vita religiosa solo per amore di Gesù, perché Lui ti attrae a questa vita austera e ritirata.

Spero tanto che durante le prossime vacanze estive tu possa trascorrere una o due settimane nel Carmelo. Lì, assorta nella preghiera e nella meditazione, potrai ascoltare con maggiore chiarezza la chiamata di Dio. La vita delle carmelitane è molto austera, ma se il Signore ti chiama nel Carmelo, ti darà anche la forza necessaria per abbracciare tutte le privazioni. Certo, ci vorranno alcuni giorni per abituarti al loro stile di vita, ma con la buona volontà e l'aiuto divino si possono superare tutte le difficoltà.

Coraggio, continua a perseverare nel tuo percorso vocazionale. I mondani ti considerano folle perché hai rinunciato al luccicante mondo dello spettacolo, io invece ti considero folle d'amore per il Redentore Divino. Sono due follie totalmente diverse.

Non vedo l'ora di sapere che hai abbandonato il mondo con tutte le sue follie, per abbracciare Gesù Via, Verità e Vita in un monastero di clausura. Pregherò molto volentieri per te, fin quando non saprò che hai donato il resto della tua vita all'Amore delle anime. Così sia.

In Cordibus Jesu et Mariae

Cordialiter