Questo blog è gestito da un fedele laico che stima la vita contemplativa delle claustrali.

Visualizzazioni totali

mercoledì 1 novembre 2017

Suore di clausura in Toscana

____________________________________________________________


Le donne che sentono nel proprio cuore di avere la vocazione alla vita matrimoniale, ma non riescono a trovare un fidanzato cristiano, possono leggere il seguente annuncio di un ragazzo che sta cercando una donna che sia fedele agli insegnamenti della Chiesa Cattolica. Cliccare qui per leggere l'annuncio.


xz5
_______________________________________________________________



Uno degli scopi principali di questo blog consiste nel far conoscere i migliori monasteri d'Italia. La vita consacrata è davvero meravigliosa, purché sia vissuta in maniera profonda e fervorosa come è praticata dalle Monache Carmelitane di Cerreto di Sorano (Grosseto). Il loro monastero è situato in una zona tranquilla e isolata della splendida campagna toscana.  In un luogo così bello e sereno è davvero facile raccogliersi interiormente e riflettere sul vero senso della vita, il quale consiste nel conoscere, amare e servire il Signore, in attesa di unirsi eternamente con Lui nella Patria Celeste. Tutto ciò che nella vita non tende a questo scopo supremo, è vanità delle vanità.

Attualmente nel loro Carmelo “Janua Coeli” vi sono 13 suore, tra le quali due junior (professe temporanee), due novizie e una postulante. Le Carmelitane di Cerreto sono fedeli al Magistero dei Sommi Pontefici, inoltre ci tengono molto che la Sacra Liturgia venga celebrata con devozione e sacralità. A tal proposito amano molto utilizzare i melodiosi ed intramontabili canti gregoriani, i quali sono un potente strumento per innalzare l'animo a Dio. Nel loro monastero regna il silenzio, senza del quale sarebbe difficile vivere continuamente alla presenza del Signore, cioè col cuore rivolto a Dio. Apprezzo molto il fatto che utilizzano con modestia e devozione l'abito religioso. Non se lo tolgono mai, nemmeno quando fanno lavori pesanti, come ad esempio i lavori nell'orto.  Tra i vari aspetti interessanti è da notare che hanno conservato anche la bella consuetudine di affidare a ogni suora un nome religioso diverso dal nome civile.

Il monastero dispone anche di una foresteria nella quale possono essere accolte, al massimo per 4 giorni, delle persone desiderose di trascorrere un periodo di raccoglimento, meditazione e preghiera.  Non c'è un costo fisso da pagare (come avviene invece negli alberghi), ma si lascia un'offerta libera in chiesa. Le suore si sostengono grazie alla Provvidenza che suscita i benefattori ad aiutare con generosità queste claustrali. Inoltre per il proprio sostentamento le monache realizzano icone sacre, restaurano calici antichi e producono gustose e genuine marmellate. 

È possibile giungere al monastero anche col treno, scendendo alla stazione di Orvieto, dove un'oblata verrà a prendervi in macchina. Se vi sentite attrarre da Gesù buono alla vita monastica, vi consiglio di fare un'esperienza di vita religiosa tra le Carmelitane di Cerreto. Che grande grazia poter diventare vera sposa di Cristo in un monastero fervoroso e osservante!